Archivio per la categoria ‘naturaliter

“Guarda le tue iridi e sai cosa mangiare” durante”Yoga per il cambiamento 2014″   Leave a comment

Yoga per il cambiamento

A Padova l’11 maggio 2014 presso Ynsula presenterò attraverso delle diapositive illustrative, le connessioni che ci possono essere tra le nostre iridi ed un  sano, corretto e appropriato stile di vita alimentare:  le nostre stesse iridi con i loro segni, le loro architetture ed i loro colori ci danno precise e verificate indicazioni al riguardo.

Il titolo è “Guarda le tue iridi e sai cosa mangiare” ed è all’interno di un ricco programma di interventi e presentazioni di altri professionisti ed esperti nelle materie concernenti lo yoga ed appropriati stili di vita dal titolo “Yoga per il cambiamento edizione 2014” con il patrocinio del Comune di Padova: organizza, interviene  e coordina l’evento la dott.ssa Tiziana Fantuz, psicologa ed autorevole insegnante di Yoga.

Per prenotazioni: Ynsula. via Saccardo 4 – Padova. Tel: 049831005  oppure 3382169309. email: info@ynsula.it

Di seguito il link con il programma: Locandina e programma di Yoga per il cambiamento 2014

SESSIONE STRAORDINARIA DI CERTIFICAZIONE F.A.C. (Federazione delle Associazioni per la Certificazione) PER LA FIGURA PROFESSIONALE DEL NATUROPATA   Leave a comment

Certificazione professionale per NaturopataMi pare importante dare rilievo a questo evento dato che si è prossimi alla definitiva approvazione in Senato della legge quadro relativa alle professioni non ancora regolamentate come quella di Naturopata, quindi riporto qui il testo integrale da diffondere scritto dalla Presidentessa dell’Associazione di categoria dei Naturopati “Naturaliter”:

“SESSIONE STRAORDINARIA DI CERTIFICAZIONE F.A.C. (Federazione delle Associazioni per la Certificazione) PER LA FIGURA PROFESSIONALE DEL NATUROPATA
Certificato di NATUROPATA rilasciato dall’Organismo FAC, in conformità alla norma ISO/IEC 17024 ed allo schema di certificazione FAC SK 11 (accreditato da ACCREDIA 071C )

Cari amici e cari colleghi
L’ente di certificazione, a seguito delle numerose richieste, ha indetto una sessione straordinaria di certificazione.

Ricordiamo che la certificazione viene rilasciata da un’ente terzo indipendente dalle Associazioni di categoria ed è una importante opportunità per tutti i naturopati, indipendentemente dalla scuola e associazione di appartenenza.

Sessione straordinaria di Certificazione F.A.C. rivolta ai Naturopati
17 MAGGIO 2012
c/o sede di Roma

Scarica i moduli per accedere alla Certificazione
http://www.federazionefac.it/schemi/

Come Associazione di Categoria non mancheremo mai di ricordare come uno strumento qualificato come la certificazione F.A.C. con accreditamento ACCREDIA , fortemente voluto da Naturaliter, sia fondamentale per elevare l’immagine e soprattutto la credibilità del singolo professionista e di tutta la categoria verso l’utenza e le Istituzioni.
A tale strumento hanno aderito molte altre importanti professioni (Chinesiologi, Osteopati, Counselor, ecc.) che hanno deciso di intraprendere questo fondamentale percorso di valorizzazione della propria professione.

Per approfondire l’argomento segnaliamo i seguenti link:
– Pdl 1934 “Disposizioni in materia di professioni non regolamentate” in cui viene citato lo strumento della certificazione
http://www.naturaliter.org/category/pdl-nazionali/
http://www.federazionefac.it/
http://www.accredia.it/ (L’Ente Italiano di Accrediatamento)
http://www.sincert.it/docs/639DeliberaCDA2009_02_26BIS.pdf (PDF delibera accreditamento Sincert per lo schema PRS FAC della figura professionale del naturopata p.2)
http://www.naturaliter.org/qualita/ (sezione Certificazione Naturaliter ed estratto della Direttiva del Parlamento Europeo in cui viene citato lo strumento della Certificazione)

Restiamo a disposizione per ogni chiarimento ai recapiti associativi.

La Presidenza Naturaliter”

Il Naturopata può prescrivere rimedi omeopatici   2 comments

Rimedi Omeopatici

Rimedi Omeopatici

In questi ultimi giorni nei media, tv, giornali e internet è stato dato particolare risalto al recepimento ed attuazione da parte del Governo Italiano della Direttiva Europea 83 del 2001 sul Codice Comunitario per i farmaci e medicinali di uso umano, mettendo l’accento soprattutto sul fatto che  con questa normativa i rimedi (o medicinali che dir si voglia) omeopatici saranno trattati come tutti gli altri farmaci, e quindi si assumeranno simili procedure di immissione in commercio ottenendo ufficialmente pari dignità ad altri farmaci (allopatici),  e inoltre si apre la possibilità di un incremento numerico di tali rimedi come già avviene in quasi tutta Europa. Dal lontano 1983  un blocco normativo pesava sul mercato dei prodotti omeopatici, anche se vi son state sempre autorizzazioni transitorie di proroga: ora finalmente verrà applicata questa direttiva europea che cambia definitivamente i rapporti di precarietà fino a ieri vigenti. In Italia quasi 5 milioni di persone utilizzano i medicinali omeopatici, e con  questa normativa si rende più libera la scelta della cura da parte dei cittadini e soprattutto viene garantita una libera circolazione, e quindi reperibilità maggiore, dei medicinali in tuttal’Europa Comunitaria. Altro punto importante  è che si apre una ufficializzazione della ricerca sull’omeopatia perchè si definisce che l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, dovrà controllare e registrare tali rimedi in via definitiva.

Qui di seguito ho voluto inserire solo gli articoli della Direttiva che accennano espressamente ai medicinali omeopatici e i cui articoli sono stati recepiti in toto dal Ministero delle Salute:  ho evindenziato in neretto le parti più rilevanti e come Naturopata intendo sottolineare, oltre a quelli già menzionati, un altro aspetto delle norme contenute in questa normativa, ovvero che i medicinali Omeopatici non hanno necessità di essere prescritti obbligatoriamente dai Medici, anzi, proprio per le loro peculiarità di base di principio e filosofiche dell’Omeopatia, sono inerenti lo spirito e la competenza stessa del Naturopata Olistico certificato (come avviene anche in Germania per l’omologa figura dell’Heilpraktiker): in particolar modo vedasi gli articoli 70 e 71  in cui si indicano quali medicinali devono esser  soggetti a prescrizione medica.

Per chi volesse leggersi la Direttiva completa: http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2001:311:0067:0128:it:PDF

Sull’Omeopatia seguiranno presto altri miei articoli.

“DIRETTIVA 2001/83/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 6 novembre 2001 recante un codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l’articolo 95,… OMISSIS …considerando quanto segue:

(1) La direttiva 65/65/CEE del Consiglio, del 26 gennaio 1965, per il ravvicinamento delle disposizioni legislative,regolamentari ed amministrative relative alle specialità medicinali (3), la direttiva 75/318/CEE del Consiglio, del 20 maggio 1975, relativa al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri riguardanti le norme ed i protocolli analitici, tossico-farmacologici e clinici in materia di sperimentazione delle specialità medicinali (4), la

seconda direttiva 75/319/CEE del Consiglio, del 20 maggio 1975, concernente il ravvicinamento delle disposizioni

legislative, regolamentari ed amministrative relative alle specialità medicinali (5),… OMISSIS…direttiva 92/73/CEE del Consiglio, del 22 settembre 1992, che amplia il campo d’applicazione delle direttive 65/65/CEE e 75/319/CEE concernenti il riavvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative ai medicinali e che fissa disposizioni complementari per i medicinali omeopatici (13) hanno subito diverse e sostanziali modificazioni. È opportuno, a fini di razionalità e chiarezza, procedere alla codificazione delle suddette direttive riunendole in un unico testo….OMISSIS…17) È necessario adottare disposizioni specifiche per i medicinali immunologici, omeopatici, radiofarmacologici nonché per i medicinali derivati dal sangue umano o dal plasma umano….OMISSIS…21) In considerazione delle caratteristiche particolari dei medicinali omeopatici, quali il loro bassissimo tenore di principi attivi e la difficoltà di applicare loro la convenzionale metodologia statistica relativa alle prove cliniche, appare opportuno istituire una procedura specifica semplificata di registrazione per i medicinali omeopatici immessi in commercio senza particolari indicazioni terapeutiche ed in una forma farmaceutica ed un dosaggio che non presentino alcun rischio per il paziente. (22) I medicinali antroposofici descritti in una farmacopea ufficiale e preparati secondo un metodo omeopatico sono assimilabili, per quanto riguarda la registrazione e l’autorizzazione di immissione in commercio, a medicinali…OMISSIS…(23) È opportuno fornire innanzi tutto ai consumatori di medicinali omeopatici un’indicazione molto chiara circa il carattere omeopatico degli stessi nonché sufficienti garanzie di qualità e di innocuità. (24) È necessario armonizzare le norme riguardanti la fabbricazione, il controllo e l’ispezione dei medicinali omeopatici allo scopo di consentire la circolazione nell’intera Comunità di medicinali sicuri e di buona qualità. (25) medicinale omeopatico: ogni medicinale ottenuto da prodotti, sostanze o composti denominati «materiali di partenza omeopatici» secondo un processo di fabbricazione omeopatico descritto dalla farmacopea europea o, in assenza di tale descrizione, dalle farmacopee attualmente utilizzate ufficialmente dagli Stati membri. Un medicinale omeopatico può contenere anche più principi.

CAPO 2 Disposizioni speciali relative ai medicinali omeopatici

Articolo 13:  1. Gli Stati membri provvedono a che i medicinali omeopatici fabbricati ed immessi in commercio nella Comunità siano registrati od autorizzati in conformità degli articoli 14, 15 e 16, salva l’ipotesi in cui tali medicinali siano oggetto di una registrazione o autorizzazione concessa conformemente alla normativa nazionale fino al 31 dicembre 1993 (e indipendentemente dall’estensione di tale registrazione o autorizzazione oltre detta data). Ogni Stato membro tiene debitamente conto delle registrazioni e autorizzazioni già rilasciate da un altro Stato membro.

2. Uno Stato membro può astenersi dall’istituire la procedura speciale semplificata di registrazione dei medicinali omeopatici di cui all’articolo 14. Esso ne informa la Commissione. In tal caso lo Stato membro deve consentire l’impiego sul proprio territorio dei medicinali registrati da altri Stati membri a norma degli articoli 14 e 15.

Articolo 14:  1. Sono soggetti ad una procedura speciale semplificata di registrazione soltanto i medicinali omeopatici che soddisfano tutte le condizioni seguenti:

. via di somministrazione orale o esterna,

. assenza di indicazioni terapeutiche particolari sull’etichetta o tra le informazioni di qualunque tipo relative al medicinale,

. grado di diluizione che garantisca l’innocuità del medicinale; in particolare il medicinale non può contenere più di una parte per 10 000 di tintura madre né più di 1/100 della più piccola dose eventualmente utilizzata nell’allopatia per le sostanze attive la cui presenza in un medicinale allopatico comporta l’obbligo di presentare una prescrizione medica. Gli Stati membri stabiliscono, al momento della registrazione, la classificazione in materia di fornitura del medicinale.

2. Alla procedura speciale semplificata di registrazione dei medicinali omeopatici si applicano per analogia i criteri e le norme procedurali previsti all’articolo 4, paragrafo 4, articolo 17, paragrafo 1, dagli articoli da 22 a 26 e dagli articoli 112, 116 e 125, eccezion fatta per la prova dell’effetto terapeutico.

3. Per i medicinali omeopatici registrati in conformità del paragrafo 1 del presente articolo o eventualmente ammessi in base all’articolo 13, paragrafo 2, non è tuttavia richiesta la prova dell’effetto terapeutico.

Articolo 15:  La domanda di registrazione speciale semplificata può riguardare una serie di medicinali ottenuti dagli stessi materiali di partenza omeopatici. A tale domanda sono acclusi i seguenti documenti che hanno in particolare lo scopo di dimostrare la qualità farmaceutica e l’omogeneità dei lotti di fabbricazione di tali medicinali:

. denominazione scientifica o altra denominazione figurante in una farmacopea dei materiali di partenza omeopatici, con menzione delle diverse vie di somministrazione, forme farmaceutiche e gradi di diluizione da registrare,

. fascicolo che descriva le modalità d’ottenimento e controllo dei materiali di partenza omeopatici e ne dimostri il carattere omeopatico mediante un’adeguata bibliografia,

. fascicolo di fabbricazione e di controllo per ogni forma farmaceutica e descrizione dei metodi di diluizione e dinamizzazione seguiti,

. autorizzazione a fabbricare i medicinali in oggetto, . copia delle registrazioni o delle autorizzazioni eventualmente ottenute per gli stessi medicinali in altri Stati membri,

. uno o più campioni o modelli dell’imballaggio esterno e del confezionamento primario dei medicinali da registrare,

. dati concernenti la stabilità del medicinale.

Articolo 16:  1. I medicinali omeopatici non contemplati dall’articolo 14, paragrafo 1, sono autorizzati ed etichettati a norma degli articoli 8, 10 e 11.

2. Uno Stato membro può introdurre o mantenere nel proprio territorio norme particolari per le prove tossicologiche, farmacologiche e cliniche dei medicinali omeopatici non contemplati all’articolo 14, paragrafo 1, conformemente ai principi e alle caratteristiche della medicina omeopatica praticata in tale Stato membro.

In tal caso, lo Stato membro notifica alla Commissione le norme speciali vigenti.

3. Le disposizioni del titolo IX si applicano anche ai medicinali omeopatici, ad eccezione di quelli di cui all’articolo 14,…  OMISSIS….Articolo 68:  Senza pregiudizio delle disposizioni dell’articolo 69, i medicinali omeopatici sono etichettati in conformità del presente titolo e contraddistinti dall’indicazione della loro natura omeopatica apposta in caratteri chiari e leggibili.

Articolo 69:  1. Oltre all’indicazione «medicinale omeopatico», in grande evidenza, l’etichettatura e eventualmente il foglietto illustrativo dei medicinali di cui all’articolo 14, paragrafo 1, recano obbligatoriamente ed esclusivamente le indicazioni seguenti:

. denominazione scientifica dei materiali di partenza omeopatici, seguita dal grado di diluizione espressa con i simboli della farmacopea utilizzata conformemente all’articolo 1, punto 5,

. nome e indirizzo del titolare della registrazione e, all’occorrenza, del fabbricante,

. modo di somministrazione e, se necessario, via di somministrazione,

. data di scadenza in linguaggio corrente (mese, anno),

. forma farmaceutica,

. contenuto della confezione,

. eventuali precauzioni particolari ai fini della conservazione del medicinale,

. avvertenza speciale, se si impone per il medicinale,

. numero del lotto di fabbricazione,

. numero di registrazione,

. medicinale omeopatico «senza indicazioni terapeutiche approvate»,

. un suggerimento all’utente perché consulti un medico se i sintomi persistono durante l’utilizzazione del medicinale.

2. In deroga al paragrafo 1, gli Stati membri possono esigere l’applicazione di talune modalità di etichettatura che consentano l’indicazione di quanto segue:

. prezzo del medicinale,

. condizioni di rimborso da parte degli organismi di sicurezza sociale.

TITOLO VI:  CLASSIFICAZIONE DEI MEDICINALI

Articolo 70:  1. Quando autorizzano l’immissione in commercio di un medicinale, le autorità competenti precisano come segue la classificazione del medicinale:

. medicinale soggetto a prescrizione medica,

. medicinale non soggetto a prescrizione.

Articolo 71:  1. I medicinali sono soggetti a prescrizione medica in uno dei casi seguenti:

. possono presentare un pericolo, direttamente o indirettamente, anche in condizioni normali di utilizzazione, se

sono usati senza controllo medico,

. sono utilizzati spesso, e in larghissima misura, in condizioni anormali di utilizzazione e ciò rischia di mettere in

pericolo direttamente o indirettamente la salute,

. contengono sostanze o preparazioni a base di tali sostanze, di cui è indispensabile approfondire l’attività e/o gli effetti collaterali negativi,

. salvo eccezioni, sono prescritti da un medico per essere somministrati per via parenterale….OMISSIS…

Articolo 72:  I medicinali non soggetti a prescrizione sono quelli che non rispondono ai criteri di cui all’articolo 71. …OMISSIS…

Articolo 124:  Gli Stati membri si comunicano reciprocamente ogni informazione necessaria a garantire la qualità e l’innocuità dei medicinali omeopatici fabbricati ed immessi in commercio nella Comunità, e in particolare le informazioni di cui agli articoli 122 e 123….OMISSIS…”

Intervista: rapporti tra Dieta Mediterranea e alimentazione Naturale   1 comment

In questa intervista che ho rilasciato recentemente metto in evidenza in vari spunti,  i rapporti di collegamento, correlazione e reciprocità che esistono tra le linee guida della Dieta Mediterranea (Patrimonio Mondiale Immateriale dell’Umanità dal 2010), l’alimentazione naturale, la naturopatia ed i sani e corretti stili di vita che possiedono tutti assieme parecchi punti di contatto soprattutto con finalità di benessere e di salute dell’essere umano,  ma anche di ecosostenibilità ambientale e produttiva per questo nostro amato e purtroppo bistrattato  Pianeta Terra, Madre e Origine delle nostre umane esistenze. Nell’intervista mancano riferimenti al pesce, al vino rosso, alla compatibilità di alcuni alimenti freschi con uno stato di salute e di benessere, alle calorie consigliate, ai corretti accoppiamenti alimentari in funzione digestiva, ai cosiddetti antiossidanti ed ad altre materie attinenti e facenti parte delle linee guida di una sana e corretta alimentazione mediterranea, modello che ormai si sta affermando a livello internazionale sia per i riconosciuti benefici alla salute, sia per il piacere e la gustosità, non solo al palato, che arreca questo tipo di alimentazione. Tutti questi argomenti saranno trattatti ed approfonditi con una mia successiva probabile imminente pubblicazione: complimenti a Fispmed per il progetto!

Intanto il parere del Naturopata sulla Dieta Mediterranea:

31 marzo 2012: il giorno della Terra   Leave a comment

IlGiorno della TerraPer una rinnovata e forte coscienza di apprezzamento del nostro Pianeta Terra, di questa enorme, ma delicata ricchezza che abbiamo, del Mondo in cui viviamo, della Natura, del Nostro Sole e del nostro Sistema Solare, per la nostra Galassia, per l’Universo Intero, cambiamo il nostro modo di vivere e diffondiamo la cultura del rispetto delle risorse naturali, degli animali, delle piante e anche di noi esseri umani unica razza umana ancora presente sulla Terra! Coinvolgiamo amici, fratelli e conoscenti da oggi e per sempre nel rispetto e nell’amore reciproco come energia permeante e apportante vera gioia e felicità!

Spunti e considerazioni dal Convegno del 24 febbraio 2012 su scientificità, qualità e professionalità della Naturopatia.   Leave a comment

Presso la Sala delle Colonne della Camera dei Deputati ho assistito con interesse e piacere al convegno in oggetto organizzato dall’Eu.Na.M., Istituto di formazione in Medicina Naturale e Naturopatia (www.eunam.eu) che ha tra i suoi compiti quello di stimolare e rendere uniformi i parametri e i criteri di studio e materie per una adeguata, consona e riconosciuta preparazione alla professione di Naturopata.

Tutti gli interventi degli autorevoli relatori sono stati seguiti con vivo interesse e partecipazione dai numerosi convenuti che hanno letteralmente riempito la Sala, in quanto sono stati esplicitati importanti aggiornamenti sia sulle basi scientifiche della Naturopatia,  sia sulla situazione riguardante il cammino percorso e da percorrere per il riconoscimento ufficiale di questa figura professionale in ambito legislativo e sanitario.

Tonella Doro, Presidentessa di Naturaliter (www.naturaliter.org), l’Associazione di categoria dei Naturopati, ha introdotto il programma del convegno motivandone lo scopo principale che è quello di informare sul lavoro sinora svolto per stimolare a rendere qualitativamente alto e omogeneo  il profilo professionale del Naturopata attraverso un adeguato e uniforme sistema di garanzie sia scientifiche che normative, in un mercato dove vengono richieste opportune e valide competenze professionali sia a livello Europeo che Italiano per poter svolgere con riconosciute capacità la propria professione.

Iniziamo dalla scientificità: il professor Lucio Birello, Direttore Scientifico di EU.NA.M., dopo un’ampia esposizione sulle genesi storiche, geografiche e sulla filosofia di approccio della Medicina Naturale nei tre originari e più importanti filoni conosciuti, ovvero quello Indiano, quello Cinese e quello Occidentale (derivante principalmente da Ippocrate), ha fatto notare come nel nostro mondo Occidentale, a causa dello sviluppo della Scienza Galileiana e dei suoi metodi logici di sperimentazione, ripetitività e prevedibilità verificabile da cui soprattutto son nate la Chimica e la Fisica come noi le conosciamo oggi, la medicina naturale e la Naturopatia hanno avuto in questi ultimi 3 secoli un periodo di scarso e minore riconoscimento di efficacia terapeutica, a parte l’approccio Omeopatico di Hannemahn nel diciottesimo secolo, in quanto i notevoli contributi della Fisica in campo diagnostico e della Chimica in campo farmacologico hanno conformato il campo di attuazione ufficiale della cosiddetta Medicina Accademica e Allopatica, dando l’illusione che le malattie potessero essere sconfitte definitivamente dalla ricerca scientifica medica sviluppatasi attraverso questi due settori.

In realtà la Medicina Accademica che ha mutuato questi metodi scientifici e si è avvalsa dei progressi di queste due Scienze, pur ottenendo rilevantissimi risultati di successo nel campo della cura di moltissime malattie soprattutto nel secolo passato, ha avuto anche ultimamente parecchie battute d’arresto dovute al fatto che i suoi strumenti di intervento agiscono solo e quasi esclusivamente sul corpo fisico dell’Uomo, provocandone fra l’altro in molti casi anche effetti iatrogeni e dannosi senz’altro non riconducibili a stati di benessere psicofisico.

In concomitanza si è notato che alcuni metodi che la Naturopatia e la cosiddetta Medicina Naturale ha assimilato rivolgendosi ultimamente anche a discipline salutistiche Orientali maggiormente olistiche riguardo l’interezza del complesso sistema uomo inteso non solo per il suo corpo fisico, ma anche per le sue uniche prerogative emotive, psichiche e spirituali, hanno ottenuto ottimi risultati nel campo del ripristino e mantenimento di salute e benessere nella loro più ampia accezione dei termini stimolando funzioni di omeostasi e di autoguarigione propri, naturali e insiti negli esseri umani.

Secondo la Scienza Medica Accademica alcuni di questi risultati son stati definiti e relegati, a volte con presupponenza, a semplici effetti Placebo, ma l’effetto placebo è semplicemente qualcosa che la scienza medica chimico/fisica ancora non sa spiegare, verificare e controllare razionalisticamente, mentre è proprio qui e sui meccanismi alla base di questo effetto, tra cui senz’altro la suggestione, che si devono aprire ulteriori vie di studio e di ricerca che sono alla base della scientificità dell’approccio Naturopatico ed in generale delle Medicine Naturali!

Lo scienziato clinico usa il placebo come strumento di ricerca per verificare l’efficacia terapeutica di un farmaco o di altri trattamenti, e nonostante si constati spesso che un placebo ha una percentuale di efficacia nelle cure pari se non a volte superiore a cure farmacologiche, di rado è preso dall’aspirazione allo studio dell’effetto placebo come oggetto specifico di ricerca meritevole di attenzione, e quindi di convertirlo in metodo terapeutico reale, accertabile ed attuabile: una delle cause di questa carenza è dovuta ad una sorta di “pregiudizio” scientifico per cui un effetto viene interpretato sempre in maniera monocausale e deterministica, restringendo, se non addirittura chiudendo, i margini per diverse e forse multiple concause che meglio si adatterebbero a caratterizzare e spiegare i fenomeni di guarigione di un essere umano.

C’è da aggiungere che l’ambito proprio della Naturopatia è la cura della Salute, della salute integralmente intesa, non la cura delle malattie, per cui i parametri della ricerca e della verificabilità scientifica tradizionale non sono qui applicabili con le stesse modalità che si utilizzano in farmacologia e/o diagnostica strumentale, anche se alcune interrelazioni sono valutabili e possono esserne di sostegno.

Insomma la Medicina Naturale oggi rileva e va a integrare quelle mancanze proprie della Medicina Accademica, per cui è nella reciproca interrelazione ed integrazione dei due tipi di metodologie che si va a strutturare un nuovo modello di intervento terapeutico e salutistico maggiormente efficace e completo: come dice il professor Birello al termine della sua appassionata ed equilibrata prolusione: “l’obiettivo della Medicina Umana è portare la felicità, non solo eliminare il dolore”.

Dopo questo brillante escursus sulla scientificità della Medicina Naturale è intervenuto il prof. Giorgio Berloffa presidente di CNA Professioni (di cui è membro effettivo l’Associazione di Categoria professionale dei Naturopati “Naturaliter”) CNA-PROFESSIONI , e presidente della Commissione UNI “Attività professioni non regolamentate” sul tema della qualificazione professionale, ribadendo che è necessario valicare e normare un “sistema professionale secondo i principi della conoscenza e della formazione a cui devono uniformarsi tutti i soggetti del mercato” in maniera pienamente rispondente ai principi e ai criteri richiamati dall’Unione Europea per le professioni non regolamentate, quelle attualmente senza albi od ordini professionali. E’ attualmente all’esame della Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera dei Deputati la proposta di legge “Disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi”, di cui è stata richiesta al Parlamento da Cna Professioni e Uni-Ente nazionale italiano di unificazione/normazione (http://www.uni.com/)  l’approvazione anche in occasione del convegno ‘Professioni non regolamentate: un appello alla trasparenza’, tenutosi a Roma lo scorso 14 febbraio.

Oltre alla necessaria normazione, il Prof. Giancarlo Colferai presidente dell’IPC (Associazione Internazionale per la Certificazione del Personale:  www.ipcaweb.org ), intervenendo successivamente al prof. Berloffa, sul tema delle certificazioni riconosciute internazionalmente ha asserito che è pure fondamentale e plausibile una forma di certificazione e accreditamento della professionalità valutata da una terza parte indipendente, secondo regole prefissate, che attesti che una determinata persona possiede i requisiti necessari e sufficienti per operare con competenza e professionalità in un determinato settore di attività in un mercato regolamentato.

A corollario di questi intrinsecamente collegati interventi aventi come argomento centrale la figura professionale del Naturopata, il prof. Massimo Scalia docente di Fisica Matematica presso l’Università della Sapienza di Roma, di ritorno da una conferenza scientifica Internazionale sull’ambiente, ha chiesto e ottenuto di cambiare argomento (comunque in parte interrelato alla Naturopatia) per parlare di energia e cambiamenti climatici e soprattutto per rivolgere un appello ai presenti sulla gravità della situazione ambientale del nostro pianeta emersa proprio nella conferenza da lui presenziata, che così provo a sintetizzare: i gas serra (CO2, CFC, Ozono, metano etc.) visto soprattutto l’incremento esponenziale della loro produzione da parte della Cina e degli USA in questi ultimi anni, non riescono più ad uscire dall’atmosfera Terrestre provocando un surriscaldamento globale (global warming) che può essere sul punto di non ritorno destabilizzando in maniera definitiva non solo le condizioni climatiche, ma tutto l’ecumene terrestre a cominciare dal sollevamento del livello degli Oceani e dei mari per lo scioglimento dei ghiacciai Artici ed Antartici, provocando l’immersione di notevoli porzioni di Terre emerse (Venezia compresa!), zanzare ed altri animali che salgono a livelli di altitudine maggiore, nonché per finire provocando mutazioni genetiche nella maggior parte degli esseri, umani compresi. Il prof. Scalia precisa che l’Unione Europea, compresa la gravità della situazione, ha già fissato grazie soprattutto alla mediazione dell’allora presidente della CommissioneUE,  Angela Merkel, il “decalogo” per conseguire il 20% di risparmio energetico entro il 2020, ha fissato negli ormai famosi tre 20% gli obiettivi energetici al 2020 per far fronte ai cambiamenti climatici: risparmio del 20% di energia in virtù dell’aumento dell’efficienza, 20% di riduzione della CO2 e 20% di fonti rinnovabili per la copertura dell’intero fabbisogno energetico della UE, non della sola quota elettrica (che è solo un terzo del fabbisogno complessivo). Sempre Massimo Scalia  ribadisce che”la comprensione scientifica dei mutamenti climatici è ora sufficientemente chiara per motivare i Paesi a intraprendere azioni immediate…”.

Questi cambiamenti è possibile che si verifichino non gradualmente, ma subitaneamente in quanto l’elemento forzante del surriscaldamento terrestre negli ultimi 50 anni ha fatto innalzare la temperatura come mai era successo nei 5000 anni precedenti. Per una comprensione maggiore e più sicura di quanto espresso dal prof. Scalia rimando al suo stesso documento presente in internet: http://www.archimedeambiente.it/SOS%20Relazioni/Nuovo_Paradigma.pdf .

Grazie al prof. Scalia per il suo accurato, documentato ed appassionato intervento, che serve anche a noi Naturopati in quanto dobbiamo conoscere cosa avviene nel macrocosmo per comprendere quanto avviene nel microcosmo, e comunque anche tutti noi abitanti della Terra dobbiamo fare la nostra parte per salvare non solo le nostre vite e le vite dei nostri figli, ma il nostro intero Pianeta, iniziando a consumare più consapevolmente ed a ridurre i dispendi energetici.

Pasta e fagioli, cereali e legumi: piatti nutritivi, saporiti e completi   1 comment

Un ottimo piatto completo, ricco di verdure, nutriente e gustoso, tipico della cucina Mediterranea con prodotti di origine biologica e cereali integrali; cereali e legumi assieme, e quindi pasta e fagioli, possono benissimo sostituire la carne nel senso che tutti i principi nutritivi e gli aminoacidi essenziali sono ivi presenti e biodisponibili. Comunque non si consiglia di evitare completamente la carne, ma di ridurne il consumo, massimo una volta la settimana. Quando una persona mangia cereali e legumi ha tutte le proteine di cui ha bisogno. I cereali sono carenti di un aminoacido, la lisina, che è invece contenuta nei legumi; i legumi sono invece incompleti di aminoacidi solforati (come arginina): se li mettiamo insieme abbiamo tutto il necessario, senza andare all’eccesso e soprattutto con meno colestrerolo e tante fibre. L’alimentazione troppo abbondante di proteine animali provoca acidificazione nell’organismo. Nutrirsi di troppa carne, di troppo formaggio, latticini o latte, specie vaccino, è una delle cause dell’osteoporosi, perché l’ambiente acido fa restare prive di calcio le ossa.

Convegno di Iridologia sett. 2010 Venezia   Leave a comment

Ho partecipato in qualità di Iridologo a questo magnifico ed interessante convegno su nuovi aspetti e acquisizioni delle nuove frontiere della ricerca Iridologica. Allego un video di un concerto di violoncello eseguito alla fine delle lezioni.